Il cioccolato: un peccato con tante virtù

Era considerato nel passato più lontano il cibo degli Dei e oggi è amatassimo da tutti: il cioccolato è una delizia al cui fascino è difficile sottrarsi e che spesso lo fa apprezzare anche a chi non è appassionato di dolci. Da anni anche i medici ne elogiano le virtù salutistiche, sul fisico, nelle giuste quantità, per le sostanze antiossidanti che contiene e sull’umore, per il suo potere antidepressivo.

Il cioccolato è un concentrato di sostanze con molti effetti benefici. Eccone alcuni.

Per il buonumore È considerato soprattutto dalle donne un cibo molto gratificante e consolatorio. In effetti contiene delle sostanze come la  feniletilamina che hanno un effetto euforizzante a livello cerebrale e quindi regalano buonumore. Sono positivi anche per l’equilibrio del sistema nervoso il ferro e il magnesio. Ma attenzione: il cioccolato contiene anche teina e caffeina che sono altamente eccitanti e che possono creare insonnia nelle persone predisposte.

 

cibo e benessere,cioccolato,cioccolato nella dieta


Energia per chi fa sport Per il suo alto valore energetico, dovuto all’apporto di zuccheri semplici, e per la sua semplicità di consumo, il cioccolato è adatto a chi fa sport. La dose giusta è una tavoletta da 30 grammi da mangiare prima dell’attività fisica o da portare con sé in alternativa alla frutta secca, per chi scia o cammina in montagna.

È consentito anche nella dieta Il cioccolato è spesso considerato proibito  per chi segue una dieta ipocalorica. Ma questo non è del tutto vero: semplicemente è permesso in piccole quantità. I nutrizionisti spesso lo inseriscono nei menu per il suo potere gratificante. Un quadratino di cioccolato da 20 grammi, meglio se con un’alta percentuale di cacao,  può essere uno snack alternativo da consumare nel pomeriggio, ed è perfetto per chi non riesce a fare a meno di una piccola trasgressione.

Meglio fondente o al latte? Fra i due tipi è meglio preferire quello fondente. Innanzitutto perchè è meno calorico: apporta 515 calorie per 100 grammi mentre quello al latte ne fornisce 567 per 100 grammi. Inoltre il cioccolato fondente è più ricco di bioflavonoidi e catechine, le sostanze antiossidanti, con effetti anti-age  e anti radicali liberi,che lo rendono benefico e protettivo. Anche l’impatto sulla glicemia del fondente è migliore: ha un indice glicemico più basso e quindi stimola meno il rialzo del livello dello zucchero nel sangue.

 


Il cioccolato: un peccato con tante virtùultima modifica: 2013-01-09T10:23:00+01:00da villeri77
Reposta per primo quest’articolo