Curarsi con le erbe: un aiuto per il ciclo

Non sempre il ciclo è regolare e senza problemi. Sono ritenute normali le variazioni  di 5 giorni in più o in meno rispetto ai canonici 28 che dovrebbero passare  tra una mestruazione e l’altra. Si è in presenza di amenorrea quando la mestruazione non arriva (non si è incinta), di ipomenorrea quando la perdita di sangue è scarsa  e di ipermenorrea se, invece, è molto abbondante.

Per ridurre la tensione Per facilitare l’arrivo e la regolarità delle mestruazioni è consigliato l’assenzio, che fa afflluire una maggiore quantità di sangue alla regione pelvica e agisce sul sistema nervoso, riducendo la tensione.

Se arriva in ritardo Per mestruazioni dolorose e in ritardo è molto usata l’achillea, mentre altri due rimedi utili sono la calendula e la camomilla romana: indicate per la loro azione antispastica e decongestionante. Queste ultime due sostanze possono anche essere bevute insieme in un infuso preparato mettendone un cucchiaino in una tazza di acqua bollente e lasciando in infusione pochi minuti. Questi rimedi vanno presi dall’ovulazione in poi, soprattutto in caso di dolori premestruali. Per i flussi troppo abbondanti sono consigliati l’amamelide e la melissa.

Per aiutare le ovaie In presenza di cicli senza ovulazione è ottima la cannella  e in caso di squilibri ormonali, come nella premenopausa, è consigliata la salviache agisce sul sistema endocrino.

melissa.jpg


Curarsi con le erbe: un aiuto per il cicloultima modifica: 2012-12-11T12:32:18+01:00da villeri77
Reposta per primo quest’articolo