La dieta scudo

Secondo un recente studio pubblicato sul “British journal of sports medicine”, sovrappeso e sedentarietà aumentano il rischio di contrarre infezioni. Sono state esaminate 452 persone in buona salute. I volontari in sovrappeso  presentavano un livello superiore  di globuli bianchi (la spia  di un’infiammazione in atto) rispetto a chi, invece, era in forma ottimale. Più la percentuale di grasso corporeo era alta, più aumentava il rischio di globuli bianchi.

La dieta scudo prevede di contrastare i chili di troppo e rafforzare le difese naturali: sono previsti tre pasti principali completi e bilanciati , più tre spuntini leggeri ( a metà mattina, nel pomeriggio e dopo cena).

Sono esclusi gli alimenti ricchi di calorie “vuote”, ovvero i cibi e le bevande ad alto contenuto di grassi saturi  o zuccheri semplici, che innalzano l’apporto energetico senza garantire i nutrienti importanti.

La vitamina C, un’arma vincente Nella dieta occorre apportare il giusto quantitativo di vitamina C, un potente antiossidante che rafforza le difese naturali, stimola il buonumore e il metabolismo. L’acido ascorbico va introdotto regolarmente con l’alimentazione poiché il nostro organismo non ha la capacità di produrlo da sé.

Kiwi, spinaci e vegetali verdi  o arancione in generale, sono un prezioso antidoto ai malanni dell’inverno.

La salute dell’intestino è molto importante per il benessere generale. Attraverso quest’organo infatti vengono assorbiti i nutrienti  princpali, le vitamine, i minerali e gli enzimi responsabili delle reazioni che avvengono nell’organismo. Se l’efficienza intestinale non è perfetta, rallenta anche l’assimilazione dei nutrienti.

Gli aromi che aiutanoCurry, zenzero e zafferano, ma anche aglio, prezzemolo e peperoncino  esaltano il sapore dei piatti e, in più, potenziano le difese dell’organismo  esercitando un’azione disinfettante e antimicrobica. Inoltre contengono tutti ottime quantità di vitamina C: il peperoncino, per esempio, ne apporta ben 162 mg ogni 100 grammi.

BA9D5C1963E3E27A84B0DDC3A6C5.jpg


La dieta scudoultima modifica: 2012-11-15T10:56:35+01:00da villeri77
Reposta per primo quest’articolo