Una memoria di ferro per tutti

Per colpa  della stanchezza, del cambio di stagione, oppure degli anni che passano, le dimenticanze si moltiplicano. Però si possono contrastare, con l’aiuto dei rimedi alternativi.

Preziosa, ma spesso data per scotata,  la memoria è indispensabile all’uomo. Senza, non sapremmo neppure il nostro nome né quello delle persone che ci circondano,  non riusciremmo a trovare la via per andare a casa e non potremmo imparare nulla. Fortunatamente, la perdita completa di questa capacità cognitiva è un fenomeno raro. Capita, però, che in particolari fasi della vita ( in età adulta,  soprattutto quando si attraversano momenti particolarmente stressanti, e poi più avanti con gli anni, per un calo naturale delle prestazioni cerebrali) la memoria possa perdere qualche colpo: in nostro aiuto arriva la medicina dolce.

La gemmoterapia Un aiuto per la memoria  è il macerato glicerico di semi di Betula verrucosa: 50 gocce in mezzo bicchiere di acqua, 2 volte al girono, prima dei pasti.

Gli oligoelementi  Indicata per il calo di memoria è l’associazione manganese-cobalto, da alternare a fosforo e magnesio. Il contenuto della fiala manganese-cobalto  va preso al risveglio, a digiuno, tenuto in bocca un minuto prima  di deglutire, tre volte alla settimana, mentre la sera 15 minuti dopo aver lavato i denti, vanno prese a giorni alterni una fiala di fosoforo e una di magnesio, per un totale di tre sere alla settimana ciascuna.

L’omeopatia Per chi sta affrontando un periodo di forte stress e di impegni faticosi,  il consiglio è di prendere Nux vomica, mentre in caso di stanchezza mentale associata anche ad irritabilità, si può ricorrere a Kalium phosphoricum.

La fitoterapia Sono un sostegno alla memoria tutte le piante “adattogene”, cioè che aiutano l’organismo  ad adattarsi e a superare le condizioni di stress. In particolare l’eleuterococco in titntura madre: 30 gocce in mezzo bicchiere di acqua, prima di colazione e di pranzo.

Una tazza di tè verde tutte le mattine

Una tazza di tè verde al mattino, tutti i giorni,  è un aiuto per la salute  e anche per la memoria. Infatti è ricchissimo di polifenoli e in particolare di catechine, dalla nota azione antiossidante. Vanno, cioè, a contrastare la produzione di radicali liberi, molecole prodotte  dall’organismo come conseguenza  dei processi metabolici e come difesa da agenti esterni e responsabili di un processo  di ossidazione che, nel tempo, danneggia le cellule.

come-migliorare-la-memoria.jpg


Una memoria di ferro per tuttiultima modifica: 2012-10-31T11:49:03+01:00da villeri77
Reposta per primo quest’articolo