Occhi, che fastidio!

La congiuntivite è l’infiammazione della membrana trasparente che riveste la parte interna  delle palpebre  e la parte esterna  del bulbo oculare. Si tratta di un disturbo molto fastiioso, che colpisce quasi sempre entrambi gli occhi, facendoli lacrimare e causando arrossamento. A volte provoca gonfiore delle palpebre e la sensazione di avere sabbia  negli occhi; nei casi peggiori, si prova un vero e proprio dolore ai bulbi oculari. Può comparire in ogni momento dell’anno, spesso provocato dall’azione del vento, dall’esposizione al sole, oppure da una reazione allergica.

Per agire dall’interno Quando la congiuntivite è in fase acuta è necessario agire in modo deciso. Sono ottimi il carpino e la menta, che riducono l’infiammazione: di entrambi i rimedi vanno prese 20 gocce di macerato glicerico o di tintura madre in due dita d’acqua tre volte al giorno prima dei pasti. Molto utili se il disturbo è causato dal vento e dall’esposizione  al sole sono i fiori di crisantemo: si prepara una tisana , mettendone una bustina in infusione in una tazza d’acqua bollente per circa 5 minuti, da bere poi tiepida  tre volte al giorno lontano dai pasti.

 

erbe e aromi,curarsi con le erbe,congiuntivite,salute degli occhi


Per dare sollievo Quando il fastidio è notevole sono ottimi gli impacchi, freddi o tiepidi. In 200 ml di acqua va messo un cucchiaino di fiori  di agrimonia oppure due di fiordaliso o di eufrasia, particolarmente efficaci  per attenuare l’infiammazione, riducendo il prurito.

Prima di fare ricorso ai rimedi verdi, le donne in gravidanza, quelle che allattano e i bambini piccoli devono sempre chiedere il parere del medico. Inoltre le persone che si curano  con farmaci oppure con rimedi omeopatici devono domandare al dottore se non vi siano interazioni con le erbe che si vogliono usare.

 


Occhi, che fastidio!ultima modifica: 2012-10-31T12:34:00+01:00da villeri77
Reposta per primo quest’articolo