Mantenerci in salute e stare bene: la frutta secca

È un cibo equilibrato, che può fare parte di un regime alimentare sano e vario. In più, secondo i ricercatori della Louisiana State University, che hanno tenuto sotto controlllo 13 mila volontari per 5 anni, chi mangia tutti i giorni noci, noccioline, pistacchi ed anacardi ha un peso e un girovita minori degli atri.

Attenzione però, perché lo studio non dimostra che le persone in sovrappeso, se mangiano tutti i giorni frutta secca riducano il loro peso corporeo. Dobbiamo invece pensare ad una funzione preventiva della frutta secca nella dieta, piuttosto che dimagrante. La Food and Drug Administration americana consiglia di mangiare 8 noci (o futta secca simile) al giorno, con questa quantità sarebbe possibile prevenire diverse patologie come, per esempio, le malattie cardiocircolatorie.

 

cibo e benessere,frutta secca,omega 3,dieta sana


Ma quale frutta scegliere?

Noci Le noci hanno una caratteristica molto preziosa ed importante: contengono Omega 3, acidi protettivi del cuore, che aiutano a prevenire le lesioni aterosclerotiche delle pareti dei vasi sanguigni. Ma  sono anche una miniera di ferro, calcio, potassio e fosforo, oltre che vitamine A, B, e C.

Nocciole Le nocciole contengono tantissime vitamine (A, B1, B2 ed E) e molte altre sostanze che, però, vengono perse durante la tostatura. Più del 90% della loro materia grassa è costituita di acidi grassi, oleico e linoleico, che sarebbero capaci di proteggere i tessuti dall’invecchiamento e di prevenire  l’aterosclerosi e le malattie cardiovascolari.

Mandorle Fra la frutta secca a guscio, la mandorla è quella che contiene meno grassi insaturi: circa 52 grammi per etto. In più, sono fra le più ricche di elementi preziosi, come il potassio, il calcio ed il fosforo, che hanno una funzione importante per le ossa. Hanno un significativo contenuto di proteine, circa 20 grammi per etto.

Arachidi Le arachidi sono fra la frutta secca meno grassa (hanno meno di 50 grammi di grassi per etto) e sono ricche di potassio, fosforo,  calcio, proteine e ferro.

Pistacchi Si è conquistato una cattiva fama perché, nella sua versione tostata e salatissima, insieme alle patatine e ai salatini, è lo snack che non manca mai all’ora dell’aperitivo. In realtà il pistacchio ha tante virtù: ha tanta vitamina E, un antiossidante efficace contro i radicali liberi e, quindi, è un elisir contro l’invecchiamento. In più, quasi il 90% dei suoi grassi sono mono e polinsaturi, buoni.

PinoliSono una scorta di calcio e magnesio e sono molto calorici: un etto contiene circa 600 calorie. Ricchi di ferro, sono indicati a chi soffre di anemia. Meglio conservarli nel frigo, per evitare che il loro sapore si alteri.

 


Mantenerci in salute e stare bene: la frutta seccaultima modifica: 2012-10-29T09:32:00+01:00da villeri77
Reposta per primo quest’articolo