Trasforma i momenti giù in vitalità

Può capitare a molte donne di sentirsi particolarmente stanche alla sera, ma cosa succede se il calo di energia si manifesta già quando suona la sveglia?

Solitamente dipende dai bruschi cambiamenti stagionali, ma non solo: l’organismo femminile è più predisposto ad avere momenti di stanchezza, soprattutto dopo i 35 anni, ma perché? Innanzitutto la donna ha meno massa muscolare dell’uomo e quindi meno forza fisica. Anche gli ormoni influiscono e quando il difficile equilibrio  tra gli estrogeni  e il progesterone  subisce qualche alterazione ( a causa delle mestruazioni, della menopausa o di altri fattoir) ti senti più debole e stanca.  Non bisogna pensare di poter risolvere questo problema mangiando di più perché questo tentativo funziona raramente perché non è importante la quantità di cibo, ma la qualità.

Ecco una serie di cibi che non devono mancare mancare nella tua alimentazione se vuoi caricarti con una sana fonte di energia.

I legumi Sono ricchi di ferro, un minerale necessario  per mantenere alti i livelli  di vitalità. Puoi mangiarli in insalata, con la pasta, sotto forma di purè o come semplice contorno.

Pasta e riso Contengono carboidrati che vengono assorbiti lentamente e per questo  motivo rilasciano energia con gradualità. Sono perfetti per combattere i cali di energia.

La frutta secca È una fonte di grassi sani che ti rinforzano.

Agrumi, kiwi, peperone Contengono molta vitamina C, un elementoessenziale per far assorbire meglio il ferro dal tuo organismo.

Banana e mela Tutte e due mantengono stabile il tasso glicemico, la concentrazione degli zuccheri, nel sangue e ciò contribuisce a mantenerti vitale.

Il salutare zenzero Si tratta di una radice con proprietà stimolanti che puoi consumare sotto forma di tisana o come spezia nei cibi.

Fiocchi di avena apportano vitalità nei periodo di stanchezza o durante la convalescenza grazie al loro contenuto di vitamine B1 ed E, fosforo, magnesio, ferro e acidi grassi buoni.

Il cioccolato fondente Secondo uno studio dell’Università di Nottingham i suoi flavonoidi migliorano l’irrorazione del sangue nel cervello e riducono la stanchezza. È stato dimostrato che migliorano i sintomi della stanchezza cronica consumandone un quadratino e mezzo al giorno.

La squisita cannellaè un tonico e rinvigorente naturale  che aumenta i livelli di concentrazione e riduce la sensazione di stanchezza.

fatigue-coffee.jpg


Trasforma i momenti giù in vitalitàultima modifica: 2012-09-18T12:55:22+02:00da villeri77
Reposta per primo quest’articolo