Dieta: stop al calcolo delle calorie

Sono molte le diete che ultimamente hanno privilegiato la qualità dei singoli alimenti, abbandonando il principio del calcolo delle calorie. La maggior parte dei cibi, infatti, contiene un insieme di nutrienti, ovvero di carboidrati o glucidi (zuccheri), lipidi (grassi) e proteine, ma è la predominanza di uno di questi tre elementi a determinare la qualità di ogni cibo e quindi la sua appartenenza a una categoria  piuttosto che ad un’altra. Un criterio che permette di suddividere gli alimenti in tre famiglie diverse.

I cibi proteici Favoriscono la sensazione di sazietà, ritardando la comparsa della fame; in più stimolano il metabolismo  e contrastano la riduzione della massa muscolare.

I grassi Sono molto calorici, e, se di origine animale, hanno anche un alto contenuto di colesterolo. Allo stesso tempo, in piccole quantità, sono essenziali per l’organismo  e, dunque, non vanno eliminati completamente. È bene privilegiare l’olio extravergine di oliva, i pesci grassi e la frutta a guscio: forniscono grassi polinsaturi benefici.

I cibi a base di carboidratiIl pane, la pasta, lo zucchero, dolci ma anche frutta, verdura e legumi stimolano l’insulina che favrisce l’accumulo di chili di troppo e influisce direttamente sulla sensazione di sazietà. Gli alimenti di questo gruppo però non sono tutti uguali: 20 grammi di pane bianco frniscono la stessa quantità di zuccheri presenti in 300 grammi di verdure.

pane.jpg


Dieta: stop al calcolo delle calorieultima modifica: 2012-09-10T15:36:40+02:00da villeri77
Reposta per primo quest’articolo