Le fibre: tante, ma nelle giuste dosi

Una dieta ricca di fibre aiuta a mantenersi in salute. Infatti, se si consumano cibi che contengono fibre, come frutta,verdura, cereali integrali l’intestino funziona meglio, il colesterolo rimane a livelli più bassi e si rallenta l’assorbimento degli zuccheri. Ma quanta fibra serve per sentirsi bene, senza esagerare  e senza sentire gonfiori e senso di pesantezza?

L’odeale è assumere ogni giorno 30 grammi di fibre in tutto, fra solubili e insolubili. Sono due tipi differenti di fibra, entrambe utili all’intestino. Quelle solubili sono più delicate e creano un gel che, nell’intestino, assorbe i grassi e fa diminuire il livello del colesterolo “cattivo” LDL. Si trovano soprattutto nella frutta fresca (mele e frutti di bosco) e negli ortaggi,  come le carote.

Le fibre insolubili sono utili per stimolare la funzionalità intestinale e combattere la stipsi. Si trovano nei cereali integrali come farro e grano e nelle verdure a foglia verde. Sono però più irritanti e per questo vanno assunte con prudenza da chi soffre di disturbi come la colite.

È meglio assumerle con il cibo che con gli integratori. Il momento migliore per introdurle nel menù è la colazione. Si possono mangiare 30/40 grammi di cereali integrali, senza zuccheri aggiunti, nel latte e aggiungere un frutto. A pranzo si può scegliere un contorno di verdura verde, cotta (bietola, cicoria). Fra i pasti va bene uno spuntino a base di frutta fresca.  A cena si può cucinare un piato di pasta o riso integrali, conditi in modo semplice, che alla sera si possono mangiare in relax senza timore di sentirsi gonfie. Perché la fibra abbia il giusto effetto e sia davvero utile al benessere dell’intestino non bisogna dimenticare un semplice accorgimento: bere di più. Occorre bere almeno uno/due  bicchieri  d’acqua.  Questo diventa ancora più importante se si prendono integratori di fibre: è necessario bere abbondantemente perché se i liquidi non sono sufficienti si rischia di peggiorare la stipsi.

fibre-proprieta.jpg


Le fibre: tante, ma nelle giuste dosiultima modifica: 2012-08-24T11:02:21+02:00da villeri77
Reposta per primo quest’articolo