L’olivo: una pianta dalle mille proprietà

L’olivo è un arbusto o un albero molto longevo che può arrivare fino a 10 metri di altezza. Nelle forme spontanee e selvatiche  è  chiamato olivastro ed è di facile riconscimento in quanto presenta delle spine, che altro non sono che forme di adattamento delle foglie agli ambienti più secchi. In ogni forma si presenti, l’olivo ha foglie opposte lineari-lanceolate con pagina superiore verde scuro e lucida e pagina  inferiore argentea per la presenza di un fitto strato di peli. I fiori, all’estremità dei rametti giovanili, sono di piccole dimensioni, di color bianco avorio uniti alla base e divisi in quattro petali ben distinti all’apice.

Dal fiore nasce una drupa carnosa: l’oliva, di colore variabile a seconda del grado di maturità, dal verde al rossastro al nero. Dalla spremitura di questo frutto si ottiene l’olio vergine che è addolcente, vermifugo e un efficace lassativo.  L’olio è una buona cura per chi soffre  di emorroidi, efficace anche in caso di stitichezza. È un emolliente per pelli secche e mitiga gli eritemi solari. Ottimo anche per frizioni o massaggi su parti doloranti  a causa di artriti, dolori addominali, irritazioni bronchiali.

Le foglie dell’olivo sono note come febbrifughe, astringenti e leggermente antisettiche. Abbassano la pressione massima e tendono a equilibrare la minima, indicate in casi di ipertensione. Le foglie inoltre favoriscono la cicatrizzazine, proteggono e tonificano i vasi capillari, leniscono le emorroidi infiammate. Applicate le compresse sulle parti interessate.

La corteccia si divide in pezzi lunghi 5-10 centimetri e si fa seccare al sole.

03_olivo (3).JPG


L’olivo: una pianta dalle mille proprietàultima modifica: 2012-08-21T11:17:45+02:00da villeri77
Reposta per primo quest’articolo