Le proprietà della bardana

La bardana (ARCTIUM LAPPA) è una composita di grandi dimensioni con foglie molto ampie (fino a 50 centimetri di lunghezza e 30  di larghezza) che la rendono facilmente identificabile. Fiorisce nella bella stagione, con  piccoli fiori di un bel color porpora, attorniati da un involucro di squame munite di punte uncinate che rendono il capolino, non appena dissecca, particolarmente facile ad attaccarsi ai vestiti. È diffusa negli incolti terreni ricchi di azoto, vicino ai vecchi muri, nelle radure boschive, dalla pianura alla montagna.

È commestibile: anticamente coltivata come ortaggio, è ricca di sali minerali come potassio e magnesio. Le foglie, raccolte da maggio a luglio prima della fioritura della pianta, possono essere lessate come gli asparagi, sole o con altre verdure. Anche le radici sono commestibili, previa lessatura. Le più importanti applicazioni per uso esterno sono quelle contro le affezioni della pelle, come acne e foruncolosi. Anche l’olio che se ne estrae serve a depurare le pelli grasse con tendenza all’acne. Per quanto riguarda l’uso interno, invece, ha proprietà depurative, stimola la secrezione biliare, elimina l’acido urico; inoltre ha proprietà antibatteriche, e figura fra i tanti rimedi per risolvere la gotta.

La voluminosa radice cilindrica ha inoltre proprietà diuretiche e depurative. Si impiegano le radici fresche di un anno di età.

Bardana-.jpg


Le proprietà della bardanaultima modifica: 2012-08-18T11:23:06+02:00da villeri77
Reposta per primo quest’articolo