Attenzione al sale nascosto nei cibi

Sentirsi gonfie è un disturbo molto frequente, ma quando in più abbiamo anche la pressione un po’ alta bisogna curare particolarmente l’alimentazione e assumere molti più liquidi, sia dai cibi, sia bevendo. È anche importante evitare quei cibi che contengono molto sale; ecco un elenco di alimenti dove è più facile che il sale si nasconda:

– più di 2 grammi per etto: olive marinate, caviale, lardo;

– da 2 a 1 grammo per etto: prosciutto cotto, prosciutto crudo;

-da 1 grammo a 0,5 grammi per etto: conserva di pomodoro, crescenza, groviera, cracker, salmone in scatola, sardine sott’olio, wurstel:

– da 0,5 a 0,2 grammi per etto: fette biscottate, biscotti secchi, emmental, margarina, mortadella, piselli in scatola, tonno sott’olio;

-i cibi con meno sale (meno di 0,05 grammi per etto) sono: cereali, miele, marmellata, burro, olio d’oliva, tuorlo d’uovo, carne di coniglio, tutta la frutta e la verdura, i legumi di ogni tipo e gli ortaggi in generale.

Per eliminare molti liquidi bisogna berne altrettanti. Bisognerebbe consumare almeno un litro e mezzo di acqua naturale al giorno, iniziando appena svegli.

images.jpeg


Attenzione al sale nascosto nei cibiultima modifica: 2012-07-02T10:24:49+02:00da villeri77
Reposta per primo quest’articolo