Primavera: la natura ci aiuta a non sentirci stanchi

 

Per ritrovare l’energia e la voglia di fare, che possono essere compromesse con l’arrivo della primavera, si può ricorrere alla fitoterapia.

Sono molti, infatti, i rimedi a base di erbe medicinali che aiutano a combattere la stanchezza. Per ottenere una precrizione personalizzata occorre rivolgersi al medico naturopata.

I vantaggi prodotti da alcune piante sono indubbi e queste possono essere impiegate per risolvere alcuni disturbi più lievi: si usano sotto forma di estratti (1-2 compresse al giorno) o di tintura madre (15-30 gocce diluite in acqua 2-3 volte al giorno).

Ecco un elenco di piante che possono aiutare a combattere la stanchezza:

Eleuterococco: aiuta l’organismo ad adattarsi meglio alle situazioni di stress e di affaticamento psicofisico. È ideale per chi sta attraversando un periodo molto impegnativo.

Pappa reale: non è propriamente una sostanza fitoterapica perché viene prodotta dalle api, ha però un’origine vegetale perché le api la ricavano dal polline; è uno straordinario concentrato di sostanze rivitalizzanti ed è ricca di vitamine e minerali.

Ginseng: combatte i radicali liberi e svolge un’azione disintossicante.

Guaranà: combatte l’affaticamento ed ha proprietà stimolanti e tonificati, inoltre agisce lentamente durante tutto il corso della giornata.

Fieno greco: previene la stanchezza ed agisce come un ricostituente naturale, rinforzando il sistema di difesa. È particolarmente utile per chi tende ad ammalarsi spesso.

stanchezza-primi-mesi-di-gravidanza.jpg

Primavera: la natura ci aiuta a non sentirci stanchiultima modifica: 2012-04-21T11:03:49+02:00da villeri77
Reposta per primo quest’articolo